periodo migliore a Zanzibar
Il periodo migliore a Zanzibar per un’esperienza indimenticabile
31 Gennaio 2020
weekend fuori porta foto copertina
Weekend fuori porta: alla scoperta delle Langhe piemontesi
12 Febbraio 2020
Show all

Varsavia cosa mangiare

varsavia cosa mangiare foto copertina

Varsavia cosa mangiare – Durante il mio viaggio in Polonia ho anche avuto la possibilità di scoprire il cibo locale polacco nella capitale del paese, Varsavia. Avevo già provato in passato pietanze tipiche dei paesi dell’Europa orientale e alcune di esse mi avevano anche ben impressionato, come ad esempio la zuppa di bar bietola assaggiata a Vilnius in Lituania. La cucina polacca è nota per piatti molto gustosi ma allo stesso modo piuttosto pesanti. Nella mia esperienza polacca ho avuto modo di assaggiare molte delle ricette polacche e in questo articolo proverò a descrivere questa mia esperienza culinaria.

varsavia cosa mangiare foto 2

Varsavia cosa mangiare – Alcune pietanze tipiche

Passeggiando per la città, è evidente che Varsavia conserva ancora gran parte della sua storia e cultura, compresi i piatti tradizionali. Ecco dei consigli su cosa e dove mangiare quando visiti Varsavia.

La maggior parte dei turisti non si avventura troppo lontano dalla riva sinistra sviluppata di Varsavia, ma attraversa il fiume Vistola nel meno noto quartiere di Praga e c’è un piccolo bistrot a conduzione familiare che solo i locali sembrano conoscere. Servono gli gnocchi polacchi più deliziosi e tradizionali della città con un tocco moderno unico i Pierogi, ripieni in un barattolo di vetro proprio come una volta venivano venduti e mangiati durante il comunismo, quindi soffocati con condimenti gourmet. È il tipo di posto in cui puoi fare uno spuntino mentre sei in viaggio in una pratica scatola da asporto cinese o ordinare diverse varianti da condividere con gli amici. Altamente raccomandato: funghi selvatici, verdure, tacchino e formaggio.Un pasto con anatra arrosto era riservato ai reali polacchi e agli aristocratici fino al 1700.  Al contrario, durante il comunismo, era difficile trovare l’anatra (o qualsiasi tipo di carne).

Oggi, l’anatra è un piatto polacco comune e lo puoi trovare nella maggior parte dei menu dei ristoranti. Di solito è arrostito e servito con una glassa saporita.

Un tempo la patata era il pasto del povero in Polonia quando il pane era difficile da trovare. Hanno scoperto un modo per schiacciarli e friggerli in deliziose frittelle piatte con cipolle, uova e farina. A differenza dei pancake americani, questo tipo viene più comunemente consumato come spuntino o antipasto e servito con condimenti diversi come la salsa di funghi cremosa. Per gli amanti delle zuppe Varsavia offre numerose varianti tutte molto gustose come ad esempio la Borowikowa fatta con i funghi o la Pomidorowa zuppa fatta con i pomodori. Molto buona e servita ovunque è la birra locale  di cui le principali e più conosciute sono  Tyskie e Zywiec, ottime lager molto simili a quelle tedesche. In tema di bevande tipiche non possiamo dimenticare di nominare la vodka di cui la Polonia rivendica la paternità, tra cui la famosa Belvedere, marchio conosciuto anche da noi in Italia. 

varsavia cosa mangiare foto 3

Varsavia cosa mangiare – Dessert

Per quanto riguarda i dolci e dessert Varsavia vanta una lunga tradizione e personalmente posso testimoniare che sono veramente tutti molto deliziosi.

In un edificio prebellico pieno di fori di proiettile c’è una piccola pasticceria che distribuisce dolci e morbide ciambelle polacche chiamate pączki. Pronunciati come il ponch-key, di solito sono pieni di marmellata dolce come lampone o fragola e poi cosparsi di zucchero a velo. Se dovessi confrontarli, direi che sono quasi come le ciambelle di gelatina americane o i Timbit canadesi (ma molto più gustosi). Il panificio d’angolo nel quartiere Mirów di Varsavia è in circolazione da 60 anni, quindi sono un punto di riferimento a Varsavia per quanto riguarda di dessert polacchi. Il panificio è ancora gestito dalla stessa famiglia e usano le stesse ricette originali dal primo giorno che hanno aperto le loro porte sei decenni fa.

Spero di essere stato esaustivo e di avervi fatto venire voglia di andare a Varsavia per assaggiare tutte queste buone pietanze locali.

Il mondo è un libro e chi non viaggia ne conosce solo una pagina” Cit. Sant’Agostino

Per ulteriori informazione non esitate a CONTATTARMI!

Potrebbero interessarvi anche: