Cosa mangiare a Vancouver?
12 Gennaio 2019
Cosa fare a Manhattan quando piove?
15 Gennaio 2019
Show all

“Non toccate le balene!” : la magica esperienza di nuotare con le balene in Australia

Le ultime notizie della riapertura della caccia alle balene in Giappone hanno sconvolto non solo gli ambientalisti ma anche chiunque abbia un minimo di sensibilità, e i viaggiatori sono spesso entrambe le cose. Sembra anche assurdo non comprendere quanto il mondo del turismo, attraverso il whale watching ad esempio, possa portare maggiori profitti rispetto a una caccia sì tradizionale ma atroce e sanguinaria,  contro animali che si possono definire decisamente “giganti buoni”. Sebbene con la loro mole, infatti, potrebbero sembrare pericolose per l’uomo, le balene sono in realtà intelligentissime e spesso amichevoli, tanto che in alcuni luoghi è possibile provare l’indescrivibile emozione di nuotarci accanto. Si può nuotare con le balene in Sri Lanka, Thaiti, Tonga ed in altri luoghi. Ma se dovessi consigliarvi un’esperienza davvero unica vi raccomanderei di nuotare con le balene in Australia.

Nuotare con le balene in Australia: “Non toccate le balene!

Don’t touch the whales” (non toccate le balene): avevo promesso alla mia guida che questa sua frase sarebbe stata il titolo dell’articolo del mio blog in cui avrei raccontato questa meravigliosa esperienza. Sì, perché secondo me da sola spiega molte cose: in primis il rispetto che questi ragazzi hanno per queste meravigliose creature. In secundis l’intesa che si crea tra noi esseri umani e questi maestosi animali che invece di spazzarci via come mosche fastidiose ci nuotano armoniosamente attorno incuriosite. Ma soprattutto “non toccate le balene” mi piace perché mi ricorda quanto siamo stati vicini.
Se sapete nuotare, amate il mare e i cetacei non potete pensare di non vivere questa grandiosa esperienza. Non posso descrivervi la sensazione di guardare negli occhi l’animale più grande del mondo che vi nuota a pochi metri: dovete provarla da soli!

Dove nuotare con le balene in Australia

Il luogo meraviglioso dove questo avviene si trova nella Sunshine Coast, sulla costa est dell’Australia. Una meta rinomata per i turisti soprattutto locali, che tuttavia offre ancora la possibilità di stare al di fuori dai percorsi battuti. Per il whale watching ho trovato difficilmente luoghi appena lontanamente paragonabili ad Hervey Bay, per le sue acque mediamente chete e soprattutto la massiccia presenza di balene tanto che molte compagnie ne garantiscono l’avvistamento da giugno a novembre. Ma per nuotare con le balene il posto che ho trovato indubbiamente perfetto è a poco più di due d’ore di macchina a Sud (circa un’ora a nord di Brisbane): Mooloolaba!

Come fare a nuotare con le balene in Australia

Certo nuotare con le balene non è un’attività che si può organizzare per conto proprio. Non solo perché sarebbe in questo caso illegale, ma anche perché bisognerebbe essere capaci di navigare abilmente nell’oceano con un’imbarcazione idonea, intercettare le balene e incuriosirle, altrimenti nuoterebbero rapidamente via non appena vi tuffereste in acqua. E quindi l’incontro con le balene rappresenta uno dei rari casi in cui anche Tototravel consiglia di rivolgersi a dei professionisti… ma a quelli giusti! Io, per esempio, sono rimasto davvero colpito dall’organizzazione e la serietà dello staff del Sunreef, ma soprattutto dal modo in cui la loro professionalità non comprometteva la simpatia e lo spirito d’avventura dell’escursione.
Non avrei dubbi, quindi, se dovessi scegliere a chi rivolgermi per farmi accompagnare a vivere una delle esperienze più forti e indimenticabili tra le tante che i viaggiatori hanno la fortuna di fare nella propria vita.
Un piccolo suggerimento: se fate anche snorkeling o immersioni acquistate dallo Shop del Sunreef l’anti-appannante che usano per le loro maschere e chiedete istruzioni su come utilizzarlo al meglio. Nonostante i numerosi tuffi dalla barca, il togliersi e rimettersi la maschera continuamente (anche per foto e riprese) e soprattutto gli occhi lucidi per l’emozione provata, ha funzionato alla perfezione.

Qual è il periodo migliore per andare a nuotare con le balene in Australia

Le balene si trovano in quell’area dell’Australia soprattutto da luglio a ottobre. Agosto e settembre sono solitamente un ottimo periodo per incontrarle. Ovviamente la temperatura dell’acqua non è delle più miti, ma le compagnie che offrono questo tour esclusivo vi forniranno tutta l’attrezzatura necessaria per non soffrire il freddo in acqua… anche se vi si riscalderà così tanto il cuore nel vedere questi giganti nuotare accanto a voi che forse non ne sentirete neanche il bisogno.
Dovete anche considerare di lasciarvi dei giorni liberi di riserva nel caso non si avesse un buon successo al primo tentativo. E questo vale per qualsiasi genere di esperienza nella quale sia ha a che fare con la natura, con il clima e con animali -per fortuna- liberi.
Sunreef offre comunque degli sconti particolari per chi prenota più di una data o non ha un buon successo nella prima escursione e garantisce il rimborso (o in alternativa di poter ri-prenotare gratuitamente) in caso non ci dovesse essere l’escursione a causa del maltempo.

Per chi avesse paura di nuotare con le balene in Australia

All’inizio può anche fare un po’ paura. Mi ricordo di aver pensato, al primo istante in cui ho visto questo possente gigante del mare avvicinarsi, che se solo avesse voluto avrebbe potuto spazzarmi via come moscerino. Ma mi è bastato davvero poco per capire quanto fosse pienamente consapevole della nostra presenza e quanto la rispettasse, sicuramente più di quello che meriteremmo per quanto inquiniamo, disturbiamo, se non peggio, i nostri oceani e le stupende creature che li abitano.

Loro sanno bene come comportarsi e, al contrario di quello che molti film, falsi video o show sensazionalistici vogliono far credere, se non hanno voglia di giocare semplicemente si allontanano. E questo è anche quello che è successo un paio di volte con alcune balene che abbiamo incontrato. Poi dopo qualche tentativo, finalmente due megattere, una mamma col suo piccolo, hanno scelto di restare con noi per quasi un’ora e di deliziarci con le loro figure armoniose, con gli affascinanti suoni e i respiri degli sfiatatoi, fino a venirci così vicino da farsi toccare, da costringere la nostra paziente e bravissima guida a dire: “non toccate le balene!