Serbia cosa vedere
Serbia cosa vedere: da Belgrado a Nis
1 Settembre 2019
Ponte del primo novembre dove andare? Ecco alcune idee
1 Settembre 2019
Show all

Indonesia in 10 giorni

Indonesia in 10 giorni – Negli ultimi decenni sono sempre più numerose le persone che scelgono di passare le loro vacanze in Indonesia. Lo stato asiatico offre molteplici attrazioni turistiche, non solo la modaiola e accogliente Bali, ma anche l’isola di Lombok, la bellissima spiaggia di Kuta, il lago Toba, la capitale Giacarta, Yogyakarta e l’isola di Komodo. Paesaggi incontaminati che si mescolano a villaggi turistici ben attrezzati spesso localizzati presso la costa, il tutto circondato dagli innumerevoli templi e siti archeologici alcuni anche siti UNESCO. In questo nuovo articolo vi porterò alla scoperta di questo grande paese in dieci giorni, cercando di farvi scoprire le meraviglie dell’Indonesia.

Indonesia in 10 giorni

L’Indonesia non è solo un paese con bellezze turistiche meravigliose quali spiagge o templi, ma anche un viaggio particolare dove si incontrano differenze culturali importanti rispetto alla nostra Italia. Il nostro viaggio inizia atterrando all’aeroporto internazionale di Giacarta.

1° giorno Giacarta la capitale

Giacarta è la classica metropoli dell’Asia moderna, grandi grattacieli si contrappongono a vie super trafficate e quartieri slums nelle periferie, il tutto condito da una persistente umidità.

Tra le principali cose da vedere c’è il Taman Mini Indonesia Indah, esso è un parco culturale che illustra in sintesi la cultura indonesiana, per farvi un paragone la nostra Italia in miniatura presente a Rimini.

Nel pomeriggio ci si può recare al Merdeka Palace, ovvero uno dei sei palazzi presidenziali, ma sicuramente il più famoso e bello di essi, simbolo della città. Se si è appassionati di mare e di fauna marina vi consiglio di andare al Sea World Acquarium, un grandissimo acquario tra i più grandi al mondo.

2° giorno si va a Bali

Il secondo giorno ci si reca all’aeroporto di Giacarta e si va in direzione di Bali, arrivati a Denpasar che è la principale città dell’isola, si può trascorrere il resto della giornata esplorando almeno uno dei templi situati in città. Pura Maospahit è sicuramente una buona scelta.

È un antico tempio, con una storia che risale al 14 ° secolo. Gran parte di esso è stato distrutto durante un terremoto ma ci sono alcune parti originali ancora in piedi. Si può godere a cena di un po’ di cibo tradizionale, come ad esempio il Nasi Goreng, che non è altro che del riso in padella o i buonissimi Satay che sono degli spiedini di pollo. 

 

3° e 4° giorno Bali  

Bali è la principale destinazione turistica dell’Indonesia, ogni anno attrae milioni di visitatori provenienti da ogni angolo del globo. Il terzo giorno potrebbe essere buono per andare a Ubud, si può prendere un autobus per la zona di Tegallalang e godersi lo splendido scenario, con le terrazze di riso e le verdi colline.

Tornati a Ubud il consiglio è quello di esplorare la Foresta delle Scimmie, un parco dove si può osservare la particolare scimmia balinese dalla lunga coda. Quindi, la sera, un bel giro tra le bancarelle di Jimbaran Seafood e assicurati di gustare alcuni cibi tradizionali balinesi (ad esempio i Pepes e Tum, gli  involtini in foglie di banana). 

Il quarto giorno qui, prendi l’autobus mattutino per la zona di Kintamanie trascorri la giornata immergendoti nell’atmosfera e nel paesaggio. Il monte Batur e il lago Batur sono luoghi famosi per i turisti ma meritano assolutamente il tuo tempo.

Nel pomeriggio l’attenzione la concentrerei sulla spiaggia di Kuta, nota per essere molto trafficata dai turisti e con una movimentata vita notturna. Goditi una serata rilassante. 

5° giorno direzione Lombok 

Il 5° giorno si va in direzione dell’isola di Lombok, prima di partire consiglio di fare un giro mattutino al mercato centrale di Bandung, dove potrai acquistare alcune prelibatezze culinari che ti serviranno per il lungo viaggio. Da Denpasar a Lombok sono ben quattro ore di viaggio, inizialmente in autobus, spesso anche nel caotico traffico di Bali, poi successivamente in traghetto fino a destinazione.

Arrivati in tarda serata a Lombok, ci si potrà finalmente immergere nell’atmosfera paradisiaca del luogo.

6° giorno esplorazione dell’isola di Lombok

Al mattino, dirigiti a Tanjung A’an, una bella zona vicino alla spiaggia di Kuta Lombok.

È famoso per la sua sabbia che sembra pepe. Organizzati con una guida (preferibilmente qualcuno che consiglia dall’hotel o un’agenzia di viaggi) per portarti alle 3 famose cascate situate vicino a Lombok.

La prima è sulle pendici del Monte Rinjani, la seconda è un’ulteriore camminata di 1 ora e la terza è la più difficile da raggiungere e richiede qualche esperienza di arrampicata. Trascorri la serata rilassandoti in hotel. 

7° giorno direzione Bima – INDONESIA IN 10 GIORNI

Il settimo giorno ci si dirige da Lombok verso Bima, per arrivarci bisogna prendere un volo locale che in meno di ora vi fa atterrare all’aeroporto Bandar Udara Sultan Muhammad Salahuddin di Bima.

Appena arrivati in hotel vi consiglio di trascorrere la giornata recandovi al Museum Asi Mbojo. Il vecchio Palazzo del Sultano, ex casa dei sovrani di Bima, riflette ancora lo stile coloniale di una ristrutturazione del 1927. Oltre le grandi verande, l’interno ospita numerosi cimeli, tra cui una corona reale, bandiere di battaglia e armi.

Nel pomeriggio ci si può recare in bus verso la città di Sape e visitare la bellissima spiaggia di Lariti, con le sue acque trasparenti e la sua spiaggia bianca e panorami meravigliosi meritano assolutamente una visita. Per la sera si può gustare il locale budino di riso integrale (Bubur Sumsum) e rilassarsi mirando la splendida costa di Bima. 

8° giorno Isola di Komodo – Indonesia in 10 giorni

 Al mattino ci si reca tramite bus al porto di Sape (distante circa un’ora di viaggio) e si può prendere un traghetto per il porto di Labuan Bajo sull’isola di Flores. Giunti a destinazione si può tramite guide locali fare un’escursione nell’isola di Komodo, nota per la presenza dei draghi di Komodo, grosse lucertole che possono raggiungere i tre metri di lunghezza, esemplari presenti solo in questa località.

La vera attrazione dell’isola è proprio il Parco nazionale di Komodo, patrimonio dell’umanità UNESCOricco di fauna e tanti coralli. Verso sera si farà ritorno all’hotel in Labuan Bajo.

 9° giorno direzione verso Yogyakarta

Il nono giorno di permanenza in Indonesia propone uno spostamento verso ovest in direzione di Yogyakarta, città tra le più grandi dell’isola di Giava.

Per arrivarci bisognerà prendere ben due voli interni, il primo da Labuan Bajo (airport of Komodo) verso Denpasar (isola di Bali), e poi  prendere un altro volo verso l’aeroporto di Yogyakarta.

L’intero viaggio dura circa cinque compreso lo scalo, nel  primo pomeriggio siamo in hotel nella città Yogyakarta. Avendo un pò di tempo a disposizione si può andare a visitare il vicino tempio di Prambanan, raggiungibile tramite autobus locale in meno di un’ora. Prambanan è un complesso di templi induisti in pietra che nel loro insieme costituiscono il più grande monumento induista d’Indonesia. Le tre costruzioni principali sono dedicate alle divinità Brahmā, Vishnu e Shiva. Di questi tre il monumento a Shiva è il più alto del complesso, ben 47 metri. In serata ci si può rilassare tra le vie centrale della città di Yogyakarta, tra cui il quartiere centrale di Malioboro molto vivace di notte.

10° giorno escursione al tempio di Borobudur e ritorno a casa

L’ultimo giorno in Indonesia lo possiamo spendere visitato uno dei templi più importanti del paese, il tempio Borobudur sito dell’UNESCO. Esso è il tempio buddista più grande dell’Indonesia, dista circa un’ora di autobus da Yogyakarta. Molte persone consigliano una visita di questo tempio o all’alba o al tramonto, ma a qualsiasi ora si vada resta una delle strutture più affascinanti e prioritarie da vedere. Terminata la visita si ritorna a Yogyakarta e si prende il primo volo per Giacarta dove da li si ritornerà in Italia.

Indonesia in 10 giorni: ultimi consigli pratici

Per concludere alcuni consigli pratici per chi volesse andare in Indonesia:

  • Il periodo climatico migliore va da maggio ad ottobre, periodo secco;
  • Il costo della vita in Indonesia è basso, basti pensare che i voli interni hanno dei costi che variano dai 40 ai 70 euro, in generale con 5/6 euro si può pranzare o cenare, e se si escludono alcune visite guidate, l’ingresso in musei e templi hanno costi molto accessibili. Gli hotel costano una decina di euro a notte e se si scelgono alberghi più lussuosi il costo può arrivare intorno ai 20 euro a pernottamento;
  • Conviene comprare in Indonesia una scheda telefonica per il proprio cellulare, costa 5/6 euro ed comprensiva anche di traffico 4G;
  • Conviene sempre fare una assicurazione per i viaggi soprattutto se sei un turista fai da te.

Il mondo è un libro e chi non viaggia ne conosce solo una pagina” Cit. Sant’Agostino

Per ulteriori informazione non esitate a CONTATTARMI!

Potrebbero interessarvi anche: