La mia giornata da astronauta
9 Dicembre 2018
Show all

Il miglior safari al mondo!

Incredibilmente i parchi e le aree in grado di garantire maggiori emozioni ed avvistamenti mozzafiato sono spesso quelle più piccole, economiche e meno note…

Quando si parla di “migliore” va sempre tenuto presente che ognuno ha i propri gusti e “de gustibus non est disputandum”. Tuttavia nell’ambito di un safari si può con sufficiente certezza affermare che a nessuno piaccia alzarsi alle quattro e girare a vuoto su strade dissestate e polverose fino a che il sole è troppo forte per resistervi, senza vedere null’altro che l’orecchio di un impala tra l’erba o una cavalletta sul sedile della jeep.

Senza dubbio quindi possiamo considerare che la presenza di molti animali, la facilità con la quale si riescono a vedere e, mi sento di aggiungere, l’assenza di milioni di altre vetture che sbraitano in spagnolo non appena un leone decide di tirare finalmente fuori la testa dal bush, siano elementi che fanno la differenza per un parco nazionale.

Innanzitutto andiamo in Africa, senza dubbio la patria dei safari, senza nulla togliere alle altre meravigliose mete per fauna e flora. Tralasciando le riserve private e gli itinerari per esperti, che tratteremo presto in un articolo dedicato, possiamo dividere i safari in due grandi categorie: quelli facilmente visitabili con auto a noleggio (anche per un viaggiatore di medio livello), e quelli per i quali altamente consigliabile l’utilizzo di una guida.

Tototravel nasce proprio per sfatare molti miti e prescindere dai grandi nomi e dalle scelte banali o popolari, operate semplicemente per seguire mode e tendenze, proprio perché così si va incontro a spese maggiori e risultati che deludono le aspettative (anche se poi si cerca di alimentare il mito, per non fare la figura di chi si è trovato in un luogo magari meraviglioso ma sicuramente più turistico di quanto ci si aspettasse).

Per il self-drive il miglior safari al mondo può essere fatto senza dubbio nell’Addo Elephant NP, in Sudafrica. I motivi sono tanti. Innanzitutto è l’unico parco al mondo (oltre il fin troppo noto Kruger) in cui potete vedere non solo i famosi “big five” (elefante, leone, leopardo, rinoceronte e bufalo) a cui tutti ambiscono, ma perfino i “big seven” (i primi cinque più balena e squalo). Inoltre è molto facile da raggiungere e si trova in una delle aree più tranquille e semplici per la guida di un’auto a noleggio: il Western Cape. Infine, il parco è relativamente piccolo e quindi gli animali sono sufficientemente concentrati per permettervi in una sola giornata di fare davvero migliaia di avvistamenti e foto incredibili.

Se invece preferite un game drive con una guida, il Kenya è sicuramente un luogo perfetto per incontrare la fauna africana. Tuttavia la maggior parte dei turisti si reca nei parchi più vicini alla costa perchè facili da raggiungere dalle spiagge. Questi offrono ambientazioni meno interessanti e maggiori difficoltà di avvistamenti, oltre che, ovviamente, più avventori. Se volete davvero fare un Safari, sappiate che l’area migliore è all’interno del Paese. Oltre al rinomato Masai Mara (davvero spettacolare durante le migrazioni) ci sentiamo decisamente di consigliare un Parco Nazionale esclusivo: il Samburu.

Sebbene molto raccolto (quindi con una maggiore intensità di animali e conseguente facilità di avvistamenti) il Samburu si sviluppa in un’area con un elevato dislivello ed un fiume, tanto da includere ben 5 diversi tipi di ambiente africano: foresta rivierasca, foresta di palma dom eacacia, e tre tipi di savana (savana arborea, savana arbustiva e savana piana). È inoltre il posto migliore per incontrare la “giraffa reticolata” (riconosciuta come specie a sé stante solo nel 2016). È quella in cui le macchie sono disposte in maniera regolare con spazi lineari e di piccole dimensioni, per questo talmente più bella rispetto alle altre, da rappresentare da sempre e in assoluto l’icona della giraffa nell’immaginario comune, nei pupazzi e nei disegni (sebbene sia in realtà la specie meno diffusa fra le quattro presenti in natura).

Anche in questo caso, quindi, i luoghi che desideriamo consigliarvi non sono sicuramente quelli che avete sentito nominare da tutti come i parchi migliori. Ma muoversi fuori dai percorsi battuti è la nostra specialità e farlo mantenendo bassi i costi ed alto livello di sicurezza è la nostra abilità.

Buon safari a tutti, e non dimenticatevi di portare con voi il nostro utile e divertente manuale“Smart Travelling -trucchi segreti strategie per il viaggiatore moderno”.