Depressione post viaggio – tristezza in vacanza (2)-min
Depressione post viaggio – tristezza in vacanza: ecco la soluzione per curarle
25 Settembre 2019
escursioni in Italia dove andare friuli foto copertina
Escursioni in Italia dove andare? Friuli dalla laguna alla foresta
5 Ottobre 2019
Show all

Come scegliere un albergo, un B&B o un’altra sistemazione

Come scegliere un albergo1-min

Come scegliere un albergo – Che preferiate il viaggio avventuroso o quello culturale, che cerchiate l’hotel a cinque stelle lusso o siate disposti a dormire per terra, non importa. E non conta neppure se viaggiate da anni o volete cominciare da lunedì (come la dieta). Sia che lo facciate per diletto che per lavoro, in questo articolo troverete spunti per migliorare le vostre capacità organizzative, e imparerete, o perfezionerete, la vostra strategia in tal senso. E tutto questo sempre con un occhio al portafoglio. Per un viaggio perfetto, dovunque andiate, sarà necessario scegliere con cura la sistemazione per la notte… a meno che non abbiate approfittato del segreto per viaggiare gratis in camper!

Come trovare voli low cost (1)

Come scegliere un albergo, un B&B o un’altra sistemazione ONLINE

Va da sé che la scelta della tipologia di sistemazione dipende dai vostri gusti e da come volete vivere la vacanza. Per non fare trattazioni troppo arzigogolate, tuttavia, vi fornirò dei consigli e delle linee generali valide indipendentemente dal tipo di sistemazione scelta (albergo, casa vacanza, bed and breakfast e così via).

Se non avete già contatti diretti, dovrete ovviamente utilizzare gli appositi siti. Ormai ce n’è una giungla anche perché, per fortuna, il turismo è sempre in ascesa. Ma attenzione al  “web”: sapete, vero, che cosa significa in Inglese? “Ragnatela”. C’è il ragno, che la usa per spostarsi in tutte le direzioni, e ci sono tantissimi insetti che ci rimangono semplicemente intrappolati. Voi chi vorreste essere? Dovete saperlo usare, il “web“, o sarete la mosca. E sapete dove si posa spesso…

Il mio sito di riferimento è senza dubbio tripadvisor.com. Lo so, c’è chi lo ama ma anche chi lo odia, soprattutto perché permette di poter recensire senza nessuna prova di aver visitato l’attrazione o la struttura. Inoltre, sebbene sia nato “puro”, con introiti basati su innocui banner e affiliazioni, ora è diventato anche un portale di vendita e quindi rischia di portarvi verso una scelta pilotata e non per forza migliore.

Tuttavia, che vi piaccia o no è il sito numero uno al mondo per il turismo con quasi un milione di visitatori al giorno, circa 35 milioni di recensioni, 200.000 Hotel e 30.000 destinazioni.

L’utilizzo è semplice. Basta impostare i vari parametri (anche tramite mappa) e iniziare a ricercare.

È molto importante, purtroppo a volte lungo, leggere le recensioni per valutare se l’eventuale elemento negativo costituisca per voi motivo di scartare l’ipotesi. Per esempio se tutti dicono che è una struttura perfetta, bella e pulita ma molto rumorosa, ma voi e chi viaggia con voi dormite come sassi e avete il sonno pesante, può non importarvi nulla, e viceversa.  Per esempio a me capita di soggiornare in luoghi che hanno alcune recensioni negative perché sono fuori mano ma, soprattutto perché spesso sono in macchina, non è una cosa che mi dispiace, anzi.

Comunque su come interpretare tutte le varie opinioni, nonché le risposte delle strutture, potremmo scrivere un libro, e ci servirebbe l’aiuto di Freud. Il mio consiglio è comunque di leggere bene quelle negative perché ciò previene dai problemi.

In generale risposte scontrose o anche solo sferzanti dei gestori sono indice di una struttura recettiva da evitare assolutamente, se non altro perchè non vi garantisce da parte loro l’atteggiamento giusto in caso di qualsiasi problema possa nascere.

Attenzione, attenzione (non è un errore, l’ho scritto apposta due volte): su molti siti chiunque può scrivere una review, quindi anche i gestori stessi delle strutture. Se pensate che ciò sia facilmente individuabile dal numero di recensioni complessive, sappiate che ci sono compagnie che offrono commenti fake alle varie strutture. Un’altra cosa importante che dovete tener presente è che nel caso dei B&B (almeno nel momento in cui sto scrivendo, perché anche queste cose cambiano), la recensione su alcuni siti può essere falsata dal fatto che i proprietari devono accettarla in base al nominativo di chi l’ha redatta. È probabile quindi, che se hanno avuto qualche screzio o percepito dei dissapori non la lascino pubblicare. Su questi portali, infatti, vedrete che mediamente i B&B sono scarni di opinioni dissacranti.

Una cosa che può tutelarvi è valutare le recensioni su siti che le permettono solo a chi ha soggiornato davvero nella struttura. Per gli alberghi io utilizzo booking.com, perché è un vero colosso ed ha un’interfaccia che ritengo ottima (soprattutto per i filtri e le recensioni).

In generale, comunque non lasciatevi condizionare da alcuni broker che sono bravissimi a farvi venire l’ansia con tutta una serie di input, più o meno subdoli, che vi portano a pensare che tutti stiano prenotando in quel momento proprio ciò che desiderate e quindi dovete affrettarvi.

Considerate poi che tutti i siti non sono altro che venditori e non certo vogliono denigrare i propri “prodotti”. Alcuni, per esempio, quando ordinate le recensioni dal punteggio più basso al più alto (cosa che consiglio vivamente), inseriscono comunque quelle buone, magari per prime. Altri, quando dopo un soggiorno richiedono il vostro personale giudizio, vi propongono un’interfaccia studiata da esperti di marketing per portarvi a esaltare i lati positivi. Anche nell’ambito delle “case vacanza” e B&B vige tale principio, e infatti spesso trovare una recensione negativa su questo tipo di sistemazioni è più difficile che trovare un politico onesto.

Per attività extralberghiere io utilizzo airbnb.com, senza dubbio tra i  migliori per ricercare Bed and Breakfast e affittacamere, o il gruppo di homeaway.com (con Homelidays, ecc.) con pochi rivali per l’affitto di casa-vacanze all’estero.

Come scegliere un albergo1-min

Come scegliere un albergo, un B&B o un’altra sistemazione DIRETTAMENTE

In alternativa potete anche selezionare le strutture che vi interessano e provare un contatto diretto inviando loro un’e-mail per chiedere una gentile offerta. Se scrivete in un blog o semplicemente partecipate a forum o siti di recensioni, lasciatelo delicatamente trasparire.  Magari basterà chiedere chiarimenti su qualcosa che avete letto su una recensione per far loro capire, quanto meno, che siete turisti attenti.

A questo punto chiedete educatamente un bello sconto, eventualmente facendo presente che siete a conoscenza del fatto che prenotando attraverso altri canali quest’ultimi chiederebbero loro una commissione (a volte ingente). Per questo molte grandi catene offrono sul proprio sito la “garanzia del miglior prezzo” che potete richiamare. Viceversa, per le piccole gestioni, proponetela voi stessi.

È bene che siate consapevoli operando questa scelta che rinuncerete alle garanzie che di solito i grandi siti di brokeraggio come quelli citate nel paragrafo precedente offrono.
Nel caso di airbnb.com, per esempio, è possibile lasciare la struttura dopo il primo giorno Se questa non corrisponde a quanto descritto nell’annuncio. Booking.com e Hotels.com offrono la garanzia di riprenotarvi in una struttura analoga o migliore in caso di overbooking o comunque dell’impossibilità sopravvenuta di fornirvi la stanza (rivalendosi poi loro stessi direttamente sulla struttura per il pagamento dell’eventuale differenza di prezzo).

Ad ogni buon conto chiedere alle strutture direttamente non sarà una grossa fatica perché una volta individuato un gruppo di sistemazioni nello stesso luogo e per lo stesso periodo basterà sostanzialmente fare un “copia e incolla”.

Questo trucco funziona molto bene. Nella peggiore delle ipotesi le strutture che hanno contratti particolari e non possono offrire un prezzo minore di quello on-line, vi regaleranno un upgrade della stanza oppure dei buoni per parcheggio, pasti, e così via. Instaurando un rapporto cordiale con gli host ho spesso ottenuto benefici. Una volta, per esempio, in un B&B a Corpus Christi – Texas ci hanno portato a fare un giro sulla loro personale barca a vela, in barba a tutti gli altri ospiti.

Come scegliere un albergo1-min

Come scegliere in un albergo, un B&B o un’altra sistemazione LA STANZA MIGLIORE

Contattattando la struttura, se proprio non otterrete nessun benefit, avrete buone possibilità di ricevere una delle stanze migliori.

Il metodo migliore, è banalmente la cosa più semplice: chiederla! Ovviamente con educazione. Se avete scelto un buon hotel, saprà accontentarvi anche in questo!

Chiedetene una ai piani alti e magari d’angolo, spesso più ampia (per motivi di divisione di spazi interni), e meno utilizzata (quindi più nuova), perché distante dall’ascensore (e quindi scomoda per l’housekeeping).

È proprio il contatto di persona che porta il rapporto su un piano diverso, almeno nella maggior parte dei casi. Mi raccomando siate comunque sempre rispettosi, educati e, se ci riuscite, simpatici. Se dovete chiedere una cosa che ritenete possa essere imbarazzante per loro, usate ironia.

Scrivete messaggi del tipo:

 “Salve, visiterò la vostra splendida città dal giorno XX al giorno YY. Ho visto la vostra bella struttura a € 89 a notte. Senza offesa, ma mi pare di capire da alcune recensioni lette che il lato che affaccia sulla strada sia un po’ rumoroso. Se il posto non è perfetto mia moglie mi divora vivo, capisce cosa intendo? Quindi preferirei stare su un lato più tranquillo, magari a un piano alto. Qual è la vostra migliore offerta per una bella matrimoniale non fumatori? Grazie, saluti.”

Ovviamente nella loro lingua, usando google translator se necessario. 

Come sapete esistono spesso prezzi molto diversi per stanze di differente livello, in base alla grandezza, ai servizi e gli optional offerti. Ancora una volta è un argomento molto vasto e specifico, ma comunque scegliate di prenotare ricordatevi che vale il seguente principio: meglio la stanza peggiore di un hotel migliore che viceversa.

Innanzitutto vi troverete in un albergo più buono, abituato a un servizio di livello elevato e con maggiori garanzie. Non solo. Qualora foste scontenti o doveste avere qualsiasi problema, potrete sempre avere un upgrade e, se siete bravi a lamentarvi, probabilmente senza alcun supplemento. Viceversa se vi trovate in un hotel mediocre potete scegliere anche la stanza con la vasca idromassaggio ma il tutto sarà sempre di un livello basso.

Una struttura più recente, inoltre, è solitamente migliore. Magari non è stata testata a lungo, ma ha arredi e strutture più moderne (più pulite e salubri, con funzionalità migliori, rendimenti più alti eccetera) e soprattutto una gestione più attenta perché ancora in promozione, in crescita.

Per quanto riguarda la sicurezza della zona in cui andate, al di là di tutte le chiacchiere che potete sentire, e salvo qualche opinione che potreste leggere sulla struttura e la zona in cui si trova, esistono in molti Paesi delle cosiddette “Crime Chart” ufficiali che riportano online le statistiche sui crimini delle diverse zone, a volte addirittura da palazzo a palazzo, cosicché possiate valutare davvero i rischi potenziali presenti nel punto esatto in cui volete soggiornare.

Cercate di pensare a tutto, vedrete sarà più facile quando avete un po’ di esperienza, come per esempio se il parcheggio dell’albergo (nel caso viaggiate in macchina) è gratuito o se va prenotato e così via. Ricordatevi che per qualsiasi cosa il miglior approccio è quello di contattare direttamente la struttura e parlarne.

Per quelle tre o quattro persone che fino ad ora hanno vissuto a Nyrøysa e quindi ancora non lo sanno, esiste poi lo “Street View”, che cresce di anno in anno raggiungendo a volte punti apparentemente imperscrutabili. Anche quello è uno strumento per farsi un’idea sull’area circostante il luogo che si sta valutando di prenotare. Qualcuno potrà obiettare che sarebbe un po’ come rovinarsi la sorpresa, e non posso dargli completamente torto. Oltre a citarvi il detto “better to be safe than sorry”, vi ricordo che il principio generale è purtroppo quello di organizzare al meglio tutto da casa con calma. Inoltre vi assicuro che nessun omino giallo su un computer vi potrà far provare la reale sensazione che avrete quando vi troverete in un luogo lontano, sentirete quelle vibrazioni e respirerete quei profumi e, perché no, anche quelle puzze. Qualcuno (Paul Theroux) ha detto: “La presunzione di onniscienza sorta con Internet ha generato l’errata e arrogante convinzione secondo cui lo sforzo fisico del viaggio è diventato superfluo”.

Infine se la sistemazione non volete proprio pagarla, trovate tutti i metodi per soggiornare gratis nell’articolo: “Come viaggiare Gratis!” 

Sono sicuro che potrà esserti molto utile il nostro manuale “Smart Travelling – trucchi, segreti e idee per il viaggiatore moderno“. Puoi scaricarne anche la versione Lite gratuita cliccando qui.

May the Force of traveling be with you!